Supercella nei pressi di Leoti, Kansas. 21 maggio 2016 PDF Stampa E-mail
Scritto da Vale   
Venerdì 09 Dicembre 2016 22:25

Nella mattinata ci muoviamo verso Lakin, Kansas, nostro target odierno. In questa giornata cacceremo lungo il cosiddetto "punto triplo", dove fronte freddo, aria più calda in risalita da sud-est e fronte secco si incontrano. In più si avrà l'interazione con l'outflow boundary dei temporali notturni-mattutini che retrocederà da nord-est in questa direzione.
Arriviamo in zona nel primo pomeriggio e il cielo si presenta sereno, quasi del tutto sgombro. Col passare delle ore, la dryline si definisce meglio a ovest e dei primi piccoli cumuli iniziano a delinearsi, mentre spira un sostenuto low level jet da sud-est.
L'attesa è molto lunga e passiamo il tempo a sfidare il forte vento lungo le assolate, e desolate, strade della zona. Intorno alle 18 delle prime celle a basa alta si sviluppano, non esattamente ciò che ci aspettavamo per questa giornata. Poco dopo però due celle riescono ad assumere una buona organizzazione e ci portiamo presso alla volta di queste due. In queste fasi iniziali stiamo a metà strada tra le due basi: entrambe, parzialmente offuscate dalle precipitazioni, assumono debole rotazione in breve tempo. Come spesso succede però, la cella a nord viene sopraffatta da quella meridionale che finisce per inglobarla. Ci muoviamo così verso la base a sud, mentre sono molto frequenti i fulmini nube-suolo. Quando siamo ancora abbastanza distanti dalla base, un primo tornado si protrae da essa e riesce a compiere un paio di touchdown. Dopo questi 2 brevi tornado, la base sembra molto disorganizzarsi e siamo un pò confusi da questa situazione. 
Decidiamo di avvicinarci comunque ad essa, nel caso che riuscisse a riprendersi e a riformare un decente mesociclone. Mentre compiamo questi pochi km che ci separano, l'intera colonna delle correnti ascensionali inizia a striarsi in modo marcato e assumere la classica forma a torta nuziale, tipica delle supercelle classiche più maestose. Siamo sotto una continua pioggerella, ma andare più a sud significherebbe perdersi parte dello stacco delle precipitazioni con il mesociclone, dunque ci infischiamo di questo fastidioso particolare. Mentre la supercella diventa sempre più scolpita, un altro piccolo e debole tornado tocca terra. Dura pochi secondi e dopo la sua dissoluzione continua l'incredibile organizzazione del mesociclone che abbiamo di fronte. E' in questi contesti che assume pienamente significato l'appellativo di "astronave madre" usato dagli americani.
Il temporale è praticamente statico, bloccato dai forti venti di inflow nei bassi strati che spirano con maggior intensità dei venti in quota. Stiamo fino a oltre l'imbrunire fermi sulle stesse quattro vie sterrate a riprendere la supercella che in tutta la sua fase vitale assume diverse forme e colori. Dopo le sfumature aranciate del tramonto, facciamo foto ai fulmini con il cielo tappezzato dai mammatus. Sebbene ormai il temporale inizi a evaporare e l'updraft a divenire sempre più sottile, questi continua imperterrito a ruotare arrotolandosi su se stesso.

Ultimo aggiornamento Venerdì 09 Dicembre 2016 22:53
 

Sondaggi

Hai mai cacciato un temporale?
 

Chi è online

 14 visitatori online

Condivimi: Social Networks

Fulmini prima dell' EF5

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information