AGOSTO - Supercella tra Villata (VC) e Cameriano (NO), 4 agosto PDF Stampa E-mail
Scritto da Vale   
Venerdì 05 Agosto 2016 18:21

Nel tardo pomeriggio/sera del 4 agosto alcuni temporali prefrontali potrebbero svilupparsi con l'avvicinarsi di una saccatura; considerando la sinottica generale e il wind shear presente, alcuni potrebbero anche assumere carattere supercellulare. Restano alcuni dubbi sull'effettivo sviluppo di celle che potrebbero coinvolgere le pianure a nord del Po, dunque preferisco evitare di uscire in anticipo e osservare la situazione da casa mia, pronta per uscire in caso che alcune celle interessassero vercellese o novarese.
Nel tardo pomeriggio, un temporale piuttosto intenso si sviluppa nel canavese e lentamente sembra muovere verso est/nord-est. Quando è ormai prossimo alla pianura decido di mettermi in marcia prendendo la A4. Non appena in strada, mi accorgo però che il temporale è già in fase morente, dunque esco a Novara ovest.
Sebbene questa cella sia morta non appena entrata in pianura, permane una situazione decisamente instabile con diversi cumuli congesti verso ovest.
A vista, ne noto in particolare uno che sembra svilupparsi più degli altri, quindi mi dirigo senza particolare fretta lungo la solita statale che mi porta verso Vercelli.
Quando mi trovo tra Novara e Cameriano noto una giovane incudine in sviluppo e dunque un temporale si è ufficialmente sviluppato. Non ho tempo di controllare il radar perché sto guidando, quindi mi muovo in base a ciò che sto osservando. Quando arrivo a Borgovercelli vedo la base della cella, piuttosto netta e con le precipitazioni separate alla sua destra. Mi fermo un attimo per osservare le immagini radar e noto che il temporale ha un moto est/nord-est come il precedente. Mi avvicino un po' di più prendendo la strada per Villata (VC).
Qui trovo un punto di osservazione, anche se sono sotto il bordo dei rovesci che spancia molto verso sud. La situazione non è propriamente sicura, considerando che mi trovo al bordo della pioggia (e in parte dentro) con alcuni fulmini nube-terra che si scaricano a 2-3km. Cerco di uscire il meno possibile dalla vettura e osservo una lunga inflow tail attaccarsi alla base della cella.
Mi muovo leggermente a sud di nuovo verso Borgovercelli e mi sembra ormai chiaro che il temporale ha assunto rotazione, con la classica base circolare. Non sviluppa mai una vera e propria wall cloud, ma continua a mantenere la sua inflow tail.
Mi muovo poi a ritroso lungo la statale di prima e faccio un primo stop alle porte di Orfengo e successivamente a Cameriano, dove prendo la strada provinciale 10 che va verso Casalino, in modo da uscire definitivamente dal rovescio al bordo delle precipitazioni.
Da qui osservo le ultime fasi del piccolo mesociclone che lentamente mi viene incontro.

Dei fractus iniziano ad attaccarsi alla base e andranno a formare la sua inflow tail

Tra Borgovercelli e Villata (VC) 
La coda nuvolosa che si vede è una inflow tail. Non si tratta nel modo più assoluto di un funnel cloud. La disposizione piuttosto orizzontale e verso la zona di aria caldo-umida (est-sud/est) già sono da soli un chiaro indice della natura di questa formazione nuvolosa. Se si osserva la sua attaccatura alla base si noterà come è piuttosto larga e tozza.
In più, non vi è alcuna rotazione.

Da Orfengo (NO)

Tra Cameriano e Casalino (NO)

Due immagini radar, fonte Centro Meteo Lombardo, dove si scorge un abbozzo di V-notch


Ultimo aggiornamento Sabato 06 Agosto 2016 15:55
 

Sondaggi

Hai mai cacciato un temporale?
 

Chi è online

 21 visitatori online

Condivimi: Social Networks

Fulmini prima dell' EF5

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information