AGOSTO - Supercelle e temporali tra PN e RA, 13-14 agosto 2013 PDF Stampa E-mail
Scritto da Vale   
Giovedì 15 Agosto 2013 21:44

Viste le possibilità di temporali al nord-est e lungo le coste dell'Adriatico per il pomeriggio-sera del 13 e la mattinata del 14 agosto, mi accordo con il mio amico Niccolò Ubalducci e con un altro amico cacciatore svizzero, Olivier Staiger, per una caccia in queste zone.
Parto con Olivier nel primo pomeriggio del 13 in direzione Venezia in vista della possibilità di temporali nella tarda serata. Durante il tragitto però teniamo d'occhio alcuni temporali che si sono già sviluppati lungo le zone montane del Friuli.
Quando siamo ormai alle porte di Venezia, decidiamo di avvicinarci a queste celle che a breve svalicheranno nelle zone pianeggianti. Intercettiamo la base del temporale poco a est di Cordenons, PN. Al di sotto di essa è presente un grosso lowering, probabilmente una wall cloud, l'updraft è decisamente inclinato e la forma stessa della base mostra caratteristiche supercellulari. La zona in quanto a viabilità e visibilità non è assolutamente delle migliori e quando riusciamo a trovare un punto aperto senza case nè alberi, la struttura ha iniziato a perdere di definizione e le correnti di outflow hanno preso il sopravvento. Quando ormai la base è stata inglobata nelle precipitazioni, ci muoviamo verso ovest, dove un nuovo updraft si è sviluppato e proseguiamo così fino a dopo il tramonto: continuano a rigenerarsi nuovi updraft sul bordo occidentale e quasi tutti almeno all'inizio mostrano una parvenza di blanda rotazione.
Ormai è buio e ci fermiamo a sud di Pordenone, dove fotografiamo il temporale in allontanamento: quando le precipitazioni sono ancora vicine a noi riusciamo a sentire distintamente il rombo sordo della grandine, un suono che raramente mi è capitato di sentire qui in Italia
Visto che nessun temporale si è sviluppato nel veneziano, ci muoviamo direttamente a sud, pronti per il target dell'alba. Arriviamo a Comacchio (RA), dove ci incontriamo con Niccolò: i modelli vedono la formazione di una grossa cella temporalesca per le prime ore del mattino proprio in queste zone. Ci riposiamo per qualche ora e poco dopo le 5, quando il sole pian piano inizia a sorgere, il cielo si è ormai riempito di cumuli, segno di instabilità.
Notiamo una linea di cumuli più consistenti poco a sud e così ci portiamo in spiaggia a Casalborsetti, nell'eventualità ci possano essere delle trombe marine. La linea di cumuli non riesce però ad organizzarsi meglio, mentre invece delle celle piuttosto intense stanno muovendosi nella pianura a ovest di Ferrara. Decidiamo quindi di avvicinarci e intercettiamo la squall line nei pressi della città. Sul bordo avanzante è presente una shelf piuttosto disorganizzata e presto inizia a piovere anche sotto la base del temporale. Lo inseguiamo fin verso la spiaggia di nuovo, ma il tutto continua ad essere dominato dalle correnti fredde di outflow. Nei pressi di Riccione riusciamo a scorgere l'updraft esplosivo del temporale e l'intera zona è investita dalla sabbia che viene sollevata dalle correnti in uscita. Dalla nostra posizione non ci è stato possibile scorgere alcuna waterspout, anche se non è escludibile che in mare aperto se ne sia formata almeno una.

Immancabile anche in questa occasione la sagra della tromba d'aria inesistente, una serie avvincente che ormai sta appassionando il mondo della meteorologia da baracconi.
A seguito del temporale nel ravennate (ma anche addirittura di quello di Pordenone) nuovamente qualcuno ha urlato alla tromba d'aria: in entrambi i casi si è trattato semplicemente di raffiche lineari, downburst, e nemmeno di intensità particolarmente violenta.
Queste conclusioni sono traibili semplicemente osservando la disposizione dei danni e l'ampiezza e la portata delle zone colpite.

Il temporale a est di Cordenons

Un nuovo updraft con la relativa base libera dalle precipitazioni, poco ad ovest di Pordenone

Altra nuova base appena dopo il tramonto

Il temporale in allontanamento

Nell'attesa dei temporali a Casalborsetti, RA

Bordo avanzante della squall line, Ferrara

Nei pressi di Rimini

Updraft del temporale visto da Riccione

Un updraft avvitato sulla destra


Ultimo aggiornamento Venerdì 16 Agosto 2013 20:31
 

Sondaggi

Hai mai cacciato un temporale?
 

Chi è online

 8 visitatori online

Condivimi: Social Networks

Fulmini prima dell' EF5

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information