Nuove immagini da Joplin, Missouri PDF Stampa E-mail
Scritto da Vale   
Giovedì 27 Ottobre 2011 15:09

Sono ormai passati 5 mesi dal 22 Maggio, data in cui buona parte di Joplin, Missouri, è stata devastata da un tornado EF5. In questi giorni ho deciso di rimetter mano al materiale foto e video, per sistemare il materiale non precedentemente pubblicato ed integrare l'articolo pubblicato la sera stessa con ulteriori immagini e ricordi.

Ripercorrendo gli eventi di quel giorno, mi sono soffermata sugli attimi immediatamente precedenti alla genesi della wall cloud tornadica. Fin verso le ore 16,30 o poco più, il temporale sembra stare perdendo di intesità o comunque, avere difficoltà nell'organizzarsi in maniera più decisa, tanto che ad un certo punto l'outflow sembra dominare totalmente. Quando risaliamo in auto per inseguire la cella, la base inizia a riorganizzarsi di fianco alla strada che percorriamo. Nel giro di 10-15 minuti è presente una giovane wall cloud. Ci fermiamo quindi su di un dosso per avere migliore visibilità e qui iniziano ad esserci i primi segnali che qualcosa sta per accadere. Mi posiziono davanti al cofano della macchina per riprendere ciò che sta accadendo. Nei primi attimi il vento (caldo) mi spinge in una direzione, mentre subito dopo un vento decisamente più freddo mi spinge in direzione opposta. Mentre cerco lo sguardo di Niko, scorgo sopra le nostre teste ciò che potrebbe essere un abbassamento o un principio di funnel: è davvero difficile focalizzare in quegli istanti, perchè il vento è talmente forte che la mia preoccupazione principale è quella di restare ben "ancorata" al cofano...

Quando pochissimi minuti dopo risaliamo in auto, la wall cloud attraversa la strada e qualcuno ha appena fatto una segnalazione di funnel cloud sulla nostra posizione. La nostra stazione Davis sul tetto dell'auto ha registrato un picco di 145 km/h. Qui di seguito gli screenshoot relativi alla wall cloud pochissimi istanti prima della formazione del tornado. Immediatamente dopo questi screeshot, la wall cloud è stata coperta dalle precipitazioni di una nuova cella in coda al temporale.

Ora la wall è occultata dalla pioggia, ma dietro il cielo uniforme delle precipitazioni, concentrati in un unico punto, osserviamo una intensità e  frequenza di fulmini davvero incredibile. L'immagine radar sembra abbastanza eloquente circa la presenza di un tornado e purtroppo la zona interessata dalla forte rotazione coincide con la cittadina di Joplin.

Pochi istanti dopo arriva la segnalazione di tornado; noi troveremo l'unica strada verso Joplin bloccata da una serie di auto incolonnate, mentre ci arriveranno notizie da un nostro amico cacciatore che si trova nei pressi di Jolpin: ci riferisce di essersi trovato a 2 passi dal tornado, ne ha sentito il rumore, udito distintamente il rombo simile a quello di un aereo, ma non è riuscito a scorgerlo in alcun modo per via della pioggia.

Così poi altre testimonianze via facebook che confermano sia l'assoluta imprevedibilità e velocità di formazione di questo tornado sia la pericolosità dello stesso: un tornado EF5 avvolto nella pioggia ed in mezzo ad una città. Un altro cacciatore lo riprende dalla città stessa; sarà sempre lui che pochi istanti prima del disastro avvisa una pattuglia di polizia di far suonare le sirene, perchè un grosso tornado sta arrivando dritto su Joplin.

Noi arriviamo poco meno di 1 ora dopo che il tornado ha colpito la città. Assistiamo al ritrovamento di feriti, morti, Niccolò cerca sopravvissuti entrando di casa in casa, siamo circondati da persone che piangono, qualcuno si ritrova e si abbraccia, si sentono grida in lontananza, i cani fermi nel vialetto delle abitazioni con lo sguardo fisso sulla casa distrutta, le sirene della polizia e il rumore degli elitocotteri sono un sottofondo continuo. Queste sono altre immagini, oltre a quelle postate 5 mesi fa, che testimoniano la desolazione.

Qui, nel parcheggio dell'ospedale, l'odore di benzina che fuoriesce dalle decine di auto impilate come fossero giocattoli, è davvero penetrante.

A distanza di 5 mesi e a freddo, posso sicuramente dire che questo è l'evento simbolo di 5 anni di caccia negli Stati Uniti. Non sto parlando da un punto di vista meteorologico, ma emotivo. Trovarsi in una città quando questa viene colpita da un tornado, soprattutto da un tornado EF5, è una cosa difficilmente spiegabile, è come se fossi anche tu parte dell'accaduto; non ci sono filtri,  non c'è nessuno che ha già sgomberato le strade, nessuno che ha già pianto le persone ferite o morte: queste cose sono lì, adesso, e le vivi in prima persona.

 

 

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 27 Ottobre 2011 16:33
 

Sondaggi

Hai mai cacciato un temporale?
 

Chi è online

 18 visitatori online

Condivimi: Social Networks

Fulmini prima dell' EF5

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information